Formazione

L’associazione IN.N.E.R. promuove la formazione per i Bio-distretti nell’ambito di progetti e corsi regionali, nazionali, europei ed internazionali. A tal fine ha avviato una stretta collaborazione con enti ed istituzioni accreditate. Riportiamo di seguito alcune delle iniziative in corso.

ProgEcoNewFarmers schemaetto EcoNewFarmers promosso nell’ambito del Lifelong Learning Programme, ha messo a punto percorsi formativi on-line sull’agricoltura biologica rivolti a chi intende avviare un’azienda agricola biologica, pur non avendo conoscenze di agricoltura. Un modulo formativo è dedicato alla multifunzionalità ed ai bio-distretti.

 

copertina Corso ILS Leda

 

Corso ILS LEDA

di 30 ore con focus sui bio-distretti.

 

 

 

copertina Manuale IFTS TurmedIFTS TURMED – Il Polo formativo Campano per il turismo integrato sostenibile ha recentemente predisposto il Manuale del Tecnico di agricoltura biologica, a cura dell’AIAB Campania, con un capitolo dedicato ai bio-distretti.

 

schema_agroecologia_biodistretto_it

 

Progetto “EuroEducates”

Propone strumenti e percorsi formativi di agro-ecologia applicata (buona pratica bio-distretti).

 

I corsi di formazione on-line sono riservati ai membri IN.N.E.R., accedere al Portale inserendo ID e PW inviate dal webmaster quando ti è stata comunicata l’iscrizione nel libro soci.

NB: per accedere alla documentazione riservata non basta registrarsi sul portale. Se non ricordi le tue credenziali richiedile di nuovo a: presidente@ecoregions.eu.

ALTRE RISORSE FORMATIVE UTILI AI PROTAGONISTI DEI BIO-DISTRETTI:

Il progetto “Rural education between global active citizenship and food security”, è stato promosso da FOCSIV volontari nel mondo, con sede a Roma, ACRA – Associazione di cooperazione rurale in Africa e America Latina, con sede a Milano, e WEA – Workers’ Educational Association, con sede in Galles.

Il progetto ha portato all’elaborazione di un tool kit per l’educazione rurale sulla cittadinanza globale attiva e la sicurezza alimentare, al cui interno fu descritta come esemplare la buona pratica del Bio-distretto Cilento. Il kit fu tradotto in quattro lingue (italiano, francese, inglese e spagnolo) e fu diffuso in tutto il mondo attraverso i forum di discussione sullo sviluppo locale (LDEs), le scuole secondarie e gli istituti professionali, le università, i centri di ricerca, le ONG, le amministrazioni locali e le altre istituzioni nazionali, europee ed internazionali, le agenzie internazionali e l’ONU.

Vai alla pagina dedicata al progetto