Bergamo (Lombardia)

Contatti:

C/o Associazione Amici di Areté Onlus – Via Imotorre, 26 – 24020 Torre Boldone (BG).

e-mail Claudio Bonfanti: presidenza@amicibiosociale.it

e-mail Coordinatore Bio-distretto Diego Forastieri: mailto:famforastieri@libero.it

web: biodistrettobg.it

facebook https://www.facebook.com/BioDistrettoSocialeBergamo/

Costituzione

Il 12 Novembre 2016 è nato il Bio-distretto dell’agricoltura sociale di Bergamo. Uno spazio dedicato all’agricoltura biologica, all’inclusione sociale, alla cura dell’ambiente, alla tutela della salute dei cittadini, a un’economia basata su un modello sostenibile. Il bio-distretto è stato lanciato con l’evento pubblico “Coltivare la Sapienza”. le aziende che vorranno convertirsi al biologico o che vorranno fare dell’inclusione sociale per le persone svantaggiate il loro fiore all’occhiello, riceveranno una particolare assistenza. Tra le attività del Bio-distretto rientrano la fornitura di servizi in modo coordinato, la promozione e comunicazione congiunta e di qualità, lo sviluppo di una rete di sostegno alle aziende bio-sociali, in pratica un centro servizi per le aziende agricole, in grado, ad esempio di reperire risorse, partecipare a bandi o di provvedere all’acquisto di macchinari e strumentazione in condivisione. Primaria anche l’esigenza di accrescere le possibilità di formazione, anche attraverso convenzioni con il mondo dell’associazionismo bergamasco, nonché la partecipazione comune a gare d’appalto, mense scolastiche e servizi in generale. Particolarmente caloroso sarà anche il sostegno ai giovani e alle nuove start-up. Il progetto, promosso da Agricoltura Sociale Lombardia, in partnehip con la Provincia di Bergamo e Aiab Lombardia, ha aperto un percorso che vede nel rapporto tra aziende biosociali, amministrazioni pubbliche e territorio (in tutte le sue espressioni) il centro della valorizzazione delle risorse locali, per lo sviluppo di un’economia sostenibile e di un welfare di comunità.

ministro a Bergamo

Logo

Alla progettazione del logo hanno aderito l’Istituto di Istruzione Superiore “Caterina Caniana”, la Scuola d’Arte Applicata “Andrea Fantoni” e il Liceo Artistico Statale “Giacomo e Pio Manzù”, per un totale di ben 92 elaborati. Il logo vincitore del concorso è stato ideato da Alessandro Sanchez, della 5^B dell’Istituto Caniana. La premiazione è avvenuta il 6 dicembre2016 presso l’Auditorium di Piazza della Libertà con la consegna di 700 euro all’Istituto e di un premio simbolico allo studente vincitore.

Il logo rappresenta in modo stilizzato due individui che si prendono per mano, circondando in modo protettivo la terra che li nutrirà e collaborando in gruppo per formare una comunità con il medesimo scopo di coltivare la terra nel pieno rispetto etico della natura. I quattro poligoni rappresentano i terreni o campi agricoli, ma allo stesso tempo raffigurano dei distretti che sono delle circoscrizioni territoriali. In questo caso i colori impiegati sono sfumature che tendono al verde, per ricordare la natura in maniera ancora più efficace. Il marchio raffigura inoltre il pianeta, rappresentato da due poli opposti (arancione e blu) che uniti insieme rendono possibile una comunità efficiente.