Dal 30 settembre al 16 ottobre 2022 si svolgerà a Goesan, in Corea del sud, il più grande evento del biologico

Dal 30 settembre al 16 ottobre 2022 si svolgerà a Goesan, in Corea del sud, il più grande evento del biologico, organizzato nell’ambito delle celebrazioni dei 50 anni di vita di IFOAM, la federazione internazionale dei movimenti di agricoltura biologica.

2022 IFOAM-Goesan International Organic EXPO è l’esposizione universale del biologico: per 17 giorni i protagonisti del biologico mondiale si incontreranno per dar vita a conferenze, eventi, tour guidati, mercati dei contadini trade fair, incontri di cooperazione internazionale.

GAOD, l’alleanza mondiale dei bio-distretti, sarà presente con un proprio stand, nel quale saranno presenti i protagonisti dei territori bio, con le loro esperienze, i loro prodotti e… tanta voglia di confrontarsi con le altre esperienze mondiali di biologico territoriale.

Nel corso della cerimonia conclusiva si cercherà anche di elaborare un documento conclusivo che darà vita alla Dichiarazione dei sindaci dei territori biologici.

Un primo documento è già stato elaborato nel corso dei vertici ALGOA/GAOD, svoltisi a Goesan il 18 ed il 19 luglio 2022. Riportiamo i 10 obiettivi principali che i sindaci dovranno impegnarsi a rispettare.

Il “Decalogo dei sindaci dei bio-distretti”:

  1. Favorire lo sviluppo dei Sistemi Alimentari Biologici Locali, promuovendo la produzione ed il consumo di alimenti biologici, lo sviluppo della filiera corta ed i mercatini degli agricoltori

2. Promuovere l’agricoltura biologica rigenerativa basata sull’l’agroecologia, a cominciare dalla gestione biologica delle aree demaniali

3. Promuovere l’economia ecologica, proteggendo la biodiversità, privilegiando gli “acquisti verdi” nella pubblica amministrazione, privilegiando le mense biologiche negli uffici pubblici, nelle scuole, negli ospedali, nelle case di riposo

4. Promuovere il metodo biologico in altri settori oltre quello agricolo, quali ad esempio la gestione del verde pubblico e la bioedilizia

5. Promuovere l’agricoltura sociale, l’integrazione dei giovani, delle categorie svantaggiate, dei soggetti deboli, dei disabili e perseguire la parità di genere

6. Implementare politiche, piani e programmi territoriali che favoriscano la gestione sostenibile dei beni comuni (acqua, terra ed aria), la tutela e la valorizzazione del paesaggio e della biodiversità, il risparmio energetico, l’utilizzo di energia rinnovabile, la raccolta differenziatala mobilità sostenibile e quella “dolce”

7. Promuovere il coordinamento delle politiche e dei piani locali con le politiche ed i programmi di livello regionale, nazionale ed internazionale in modo da integrare le risorse di programmi settoriali nelle proprie strategie unitarie e condivise con gli attori e la popolazione locale

8. Promuovere, anche attraverso il digitale, un turismo attento alla sostenibilità ambientale, sociale e culturale, in grado di rivitalizzare le aree rurali

9. realizzare programmi di educazione e comunicazione volti a promuovere i corretti stili di vita ed alimentari, ridurre gli sprechi, tutelare la salute

10. stabilire una collaborazione reciproca tra le amministrazioni locali dei bio-distretti per la promozione dell’agricoltura biologica rigenerativa basata sull’agroecologia, al fine di fare massa critica e favorire la transizione ecologica globale, contrastare i cambiamenti climatici, lo sviluppo dei Sistemi Alimentari Biologici ed il raggiungimento degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile definiti dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030.

Per info e contatti:

web: IFOAM Organic Events – IFOAM (ifoam-organicevents.com)

Facebook: https://www.facebook.com/groups/277275070411933

Info sulla partecipazione GAOD: presidente@ecoregions.eu